Home / Attualità / Sicurezza alimentare, pesticidi: residui in frutta e verdura nella norma
Pesticidi

Sicurezza alimentare, pesticidi: residui in frutta e verdura nella norma

PesticidiStando all’ultimo rapporto del Ministero della Salute relativo ai residui di pesticidi nel 2014, almeno nel nostro Paese gli alimenti possono considerarsi sempre più sicuri. Su quasi 9mila campioni analizzati, solo 29 (lo 0,3%) superano i limiti massimi indicati dalla normativa in vigore.

I risultati del report

Il report ‘Controllo ufficiale sui residui di prodotti fitosanitari negli alimenti contiene in particolare indicazioni relative ad: “elaborazioni sull’ortofrutta, sui cereali, su alcuni prodotti trasformati quali olio e vino, costituenti importanti della dieta italiana e mediterranea“, nonché “le elaborazioni riguardanti i baby food, quelle relative ad altri prodotti (trasformati di frutta, ortaggi, cereali, le spezie, i semi, eccetera), i risultati del piano coordinato comunitario, i prodotti di origine biologica e alcuni alimenti di origine animale”.

Inoltre i “I baby food o gli altri prodotti sono stati campionati anche se non previsti tra gli alimenti del piano nazionale, proprio al fine di garantire una maggiore tutela non solo dei consumatori, ma anche delle fasce più vulnerabili quali i bambini e i vegetariani”.

Gli esperti hanno eseguito la valutazione: “usando modelli di calcolo del rischio acuto e cronico, e per ogni sostanza attiva sono stati presi in considerazione i parametri tossicologici più critici in modo da effettuare una valutazione del rischio più conservativa per il consumatore”. A questo link potete leggere integralmente il report.

Leggi anche: La folle idea di una società canadese: utilizzare le api come vettori per trasportare i pesticidi

About Sabatino Abbazio