Home / Attualità / Intervento di liposuzione fatale per un manager 65enne
Chirurgia

Intervento di liposuzione fatale per un manager 65enne

ChirurgiaLa chirurgia estetica è una via a cui ricorrono sempre più spesso anche gli uomini, per cui non è più una scelta soltanto femminile come accadeva fino a qualche decennio fa. Tuttavia si tende erroneamente a considerare un’operazione di chirurgia estetica come se non fosse a tutti gli effetti un intervento chirurgico, cosa che invece è e di cui bisogna tener conto.

Emblematico in questo senso il caso che ci accingiamo a raccontarvi. Un uomo di 65 anni, noto manager farmaceutico, aveva deciso di sottoporsi a un intervento di laserlipolisi, metodica innovativa che viene utilizzata per eliminare il grasso in eccesso sul ventre, ovvero la classica “pancetta”.

La dottoressa che opera in questo centro in particolare lo aveva rassicurato rispetto a questo intervento e soprattutto gli aveva prospettato gli ottimi risultati che avrebbe potuto ottenere. In appena 6 mesi, a detta della dottoressa, l’operazione era stata già eseguita con successo su 600 persone.

L’uomo nonostante fosse sofferente di epatopatia cronica, si lascia convincere e prenota l’operazione per il 10 febbraio scorso alle ore 10 a Posillipo per un costo di 1000 euro.

Le complicazioni dopo l’intervento

Dopo l’intervento  torna a casa e tutto sembra procedere regolarmente. Tuttavia qualche giorno dopo comincia ad accusare una serie di sintomi fino alla comparsa improvvisa dell’ittero. La stessa dottoressa, consultata dalla famiglia, consiglia il ricovero in ospedale. Le condizioni del manager intanto peggiorano rapidamente fino ad aggravarsi in maniera irreversibile.

La diagnosi dei medici

L’uomo muore il 14 marzo del 2016. Questa la diagnosi formulata dai medici: “Insufficienza epatica acuta per stato settico da recente intervento di laserlipolisi addominale in paziente affetto da cirrosi epatica Hcv correlata”.

About Sabatino Abbazio