Home / Scienza e Tecnologia / Brexit: quali conseguenze potrebbe avere l’uscita del Regno Unito dall’Ue per l’industria videoludica?
Unione Europea Inghilterra

Brexit: quali conseguenze potrebbe avere l’uscita del Regno Unito dall’Ue per l’industria videoludica?

Unione Europea InghilterraIndubbiamente la volontà espressa dal popolo britannico di uscire dall’Unione Europea nel referendum che si è svolto nella giornata di ieri, produrrà le sue conseguenze sul piano economico per molte imprese e industrie, soprattutto per quelle che operano con l’estero. A risentirne in questo senso potrebbe essere l’industria videoludica.

In particolare così si è espresso in proposito Richard Wilson, CEO dell’associazione videoludica UK TIGA: “L’industria dei videogiochi del Regno Unito è un settore di alta tecnologia che fornisce un tasso di occupazione di alta qualità per più di 30.000 persone. È ancora orientata alle esportazioni, con almeno il 95% degli studi che esportano all’estero. In seguito al referendum ‘Brexit’, sarà più importante che mai rafforzare, senza danneggiare, quei settori dove il Regno Unito è molto competitivo: difesa, ingegneria di alta produzione, università e industrie creative, tra le quali quella videoludica”.  D’altronde il Regno Unito è da decenni una fucina di talenti per quanto riguarda lo sviluppo dell’intrattenimento video-ludico e naturalmente le società leader del settore sono preoccupate dalle ripercussioni che potrebbe avere l’esito di questo referendum nel medio e lungo periodo.

In questo senso così ha ancora precisato Wilson: “Per il settore dei videogiochi, è particolarmente importante che la politica garantisca alle aziende videoludiche i fondi sufficienti, sgravi fiscali e diritti chiari per le IP e le proprietà intellettuali e per la possibilità di accedere a persone altamente qualificate al di fuori del Regno Unito. Ogni nuovo sistema di migrazione non deve essere oneroso o complicato, altrimenti la crescita del settore potrebbe essere frenata”.

Mentre così si è espresso Jason Kingsley, CEO di Rebellion e presidente TIGA: “Abbiamo una forza lavoro altamente qualificata, di una popolazione in crescita e con un patrimonio fatto di trent’anni di successo. Mentre l’incertezza è sgradita alle imprese, il settore videoludico del Regno Unito rimarrà forte, flessibile e competitivo”.

Insomma al momento vi è una sola poco consolante certezza: nessuno è in grado di prefigurare gli scenari che potrebbe aprire la decisione del Regno Unito di uscire dall’Unione Europea. Per dirla con gli antichi il futuro riposa sulle ginocchia degli dei.

About Davide Leone