Home / Attualità / Meningite, l’Asl Toscana rinnova l’appello alla vaccinazione prima delle vacanze
Vaccinazione

Meningite, l’Asl Toscana rinnova l’appello alla vaccinazione prima delle vacanze

VaccinazioneNella Asl Toscana centro sono diminuite sensibilmente le prenotazioni riguardo alle vaccinazioni antimeningococco di tipo C. Il dato stupisce tanto più che in Toscana  in questi ultimi mesi si sono verificati molti casi di infezione ad meningococco di tipo C. In particolare si è assistito a una diminuzione del 75%.  I medici sottolineano quanto sia peroccupante questa scarsa copertura vaccinale soprattuto nella fascia che coinvolge gli adolescenti e i giovani adulti tra gli 11 e i 20 anni. L’obiettivo di raggiungere il 90% della copertura vaccinale è ben lungi dall’essere raggiunto.

In questo senso medici e sanitari  dell’Asl Toscana Centro rinnovano l’appello alla vaccinazione: “E’ importante non abbassare la guardia e mantenere alta l’attenzione Vaccinarsi è un dovere civico, la copertura deve arrivare al 90 per cento. Aumentare quindi la vaccinazione per contrastare l’incremento di casi registrati in Toscana ed in particolare nell’età più importante per raggiungere coperture efficaci, quella degli adolescenti tra 11 e 20 anni. Invito i genitori dei ragazzi non ancora vaccinati o che non hanno fatto il richiamo a prenotare un appuntamento prima di partire per le vacanze. La vaccinazione rappresenta la misura più efficace per ridurre il rischio di diffusione della infezione ed assicura una protezione diretta nei confronti del vaccinato ed indiretta nei confronti della popolazione in generale in quando riduce la circolazione del batterio anche nei portatori”.

Cos’è la meningite

La meningite è una malattia che comporta l’infiammazione delle meningi, che può portare a gravi sintomi neurologici ed esitare in postumi invalidanti quali sordità, paralisi motorie e ritardo mentale.  Può essere provocata sia da batteri che da virus, le più pericolose sono le prime: in particolare lo sono quelle prodotte da emofilo tipo B, pneumococco, meningococco.

Meningite: trasmissione

La meningite viene trasmessa per contatto diretto (o tramite goccioline infette) da un “portatore sano” mentre è più raro che il batterio venga veicolato da un soggetto ammalato. L’incubazione va solitamente da 1 a 7 giorni. Nel caso in cui l’infezione meningococcica si verifichi in una comunità quale ad esempio una scuola, un asilo etc.,  a tutte le persone che sono entrate in contatto con l’ammalato vengono somministrate dosi di antibiotico per bocca allo scopo di prevenire l’infezione (profilassi antibiotica).

Meningite: sintomi

I sintomi che generalmente si riscontrano sono febbre generalmente elevata e nuca rigida, nausea, vomito e irritazione delle membrane meningee.

Meningite: diagnosi

La diagnosi viene effettuata mediante il prelievo di quantità di liquido cerebrospinale. Il prelievo viene effettuato con una puntura lombare.

Meningite: terapia

La meningite viene curata mediante somministrazione di antibiotici, la somministrazione di liquidi per via endovenosa, tuttavia la vaccinazione rimane l’unica misura sicura ed efficace.

Leggi anche: meningite in Toscana, prolungata la vaccinazione gratuita fino al 30 giugno 2016

About Sabatino Abbazio