Home / Attualità / Psicoterapia individuale: quando serve e come funziona?
psicoterapia

Psicoterapia individuale: quando serve e come funziona?

A un certo punto della propria vita è possibile accorgersi di un malessere che non si riesce a superare da soli. Si avvertono delle problematiche che hanno bisogno di essere risolti. Ed è in quei momenti che è possibile chiedersi: quando serve un percorso di psicoterapia? Devo richiedere un incontro per fare psicoterapia individuale?

Accorgersi se si ha bisogno di un percorso di psicoterapia di solito è più complesso rispetto al comprendere quando c’è bisogno di un medico. A tutti capitano però delle brutte e improvvise battute d’arresto ed è in quei momenti che ci si sente più inclini a chiedere o pensare di aver bisogno di aiuto.

Ma quando intraprendere questo percorso? E soprattutto come funziona? Lo scopriamo insieme, grazie all’aiuto e ai consigli della Dott.ssa Giannoni, psicoterapeuta a Firenze.

Quando iniziare un percorso di psicoterapia individuale

Anche se principalmente si inizia un percorso di psicoterapia nel momento in cui si ha una maggiore fragilità, in realtà questi incontri possono rivelarsi utili per tutti, a volte anche semplicemente per conoscersi meglio e comprendere i propri desideri.

Ci sono dei casi in cui però l’intervento di uno psicoterapeuta può diventare non solo consigliabile ma perfino necessario. Nello specifico, si consiglia di iniziare un percorso di psicoterapia quando:

  • Si avverte una sensazione di malessere che interferisce con la nostra vita quotidiana e il nostro rapporto con le persone care
  • Quando sentiamo delle preoccupazioni incessanti, siamo tristi anche senza motivo o abbiamo emozioni e comportamenti che non siamo in grado di spiegare
  • Iniziamo ad avvertire delle vere e proprie fobie e disagi, come conoscere altre persone, frequentare posti affollati, andare al lavoro
  • Momenti in cui si sta affrontando un cambiamento o un evento traumatico: trasferimenti improvvisi, un lutto, separazione.

Spesso la psicoterapia è utile anche per affrontare alcuni disturbi specifici, infatti, potrebbe essere anche il medico a consigliare un percorso di questo tipo.

Tra i principali disturbi troviamo:

  • Attacchi di panico
  • Ansia e angoscia
  • Difficoltà a dormire
  • Disturbo della personalità
  • Disturbi bipolari
  • Crisi di panico
  • Problemi alimentari
  • Ipocondria
  • Depressione
  • Fobie
  • Disturbi affettivi
  • Esaurimento nervoso

Come funziona la psicoterapia individuale?

Una seduta di psicoterapia prevede il confrontarsi con un professionista del settore che segue un modello pratico e teorico che possa aiutare nell’approccio iniziale e nel percorso da intraprendere insieme.

Approcci come la psicoanalisi interpersonale, permettono di sfruttare la relazione con il paziente come strumento terapeutico. In questo caso si considera l’inconscio, le difese come elementi sui quali lavorare, e anche la personalità del paziente inserita in un specifico contesto di vita e relazionale.

La relazione con il terapeuta dunque diventa un modello sia di scambio sia di spunto per una lettura delle relazioni che il paziente sta vivendo in quel momento.

Durante le prime sedute si parte con una conoscenza del paziente per comprendere il motivo per il quale sta seguendo un percorso di psicoterapia e quali sono gli obiettivi che ci si vuole porre.

L’incontro e i colloqui sono molto utili per il paziente, in quanto riesce a comprendere come si sente, e aiutano il professionista ad elaborare le giuste proposte in ambito terapeutico.

Perché rivolgersi a uno psicoterapeuta

Chiedere aiuto spesso è il primo passo per riuscire a riprendere in mano la propria vita ma anche per poter superare le difficoltà che ci affliggono. Iniziare un percorso di psicoterapia permette di comprendere i propri disagi e di capire come poter star meglio.

Quindi, la scelta di questo percorso terapeutico è in primis un modo per salvaguardare la propria salute e migliorarsi, riuscendo a capire quali sono le proprie risorse e come sconfiggere tensioni e insicurezza.

Un buon percorso terapeutico, basato su una buona relazione tra paziente e psicoterapeuta, permette di mettersi in gioco e di ritrovare la voglia di vivere al meglio delle proprie potenzialità liberandosi di paure, ansie, fobie e difficoltà.

About Redazione