Home / Attualità / Alzheimer, nuovo farmaco rallenta il declino cognitivo
Alzheimer

Alzheimer, nuovo farmaco rallenta il declino cognitivo

AlzheimerIl farmaco Lmtx giunto alla fase tre della sperimentazione sarebbe in grado di rallentare significativamente la progressione del morbo di Alzheimer. Lo studio è stato condotto da Claude Wischik, co-fondatore della TauRx Pharmaceuticals, l’azienda farmaceutica che ha sviluppato questo farmaco contro l’Alzheimer.

Il farmaco si è rivelato in grado di determinare una riduzione nella progressione della malattia nella misura dell’80%. I risultati ottenuti sono stati presentati a Toronto in occasione della Conferenza Internazionale dell’Associazione Alzheimer.

I ricercatori hanno cambiato l’approccio terapeutico a questa patologia neurodegenerativa: i farmaci oggi utilizzati vanno a contrastare la formazione delle placche beta-amiloidi che vengono ritenute all’origine della malattia, mentre questo farmaco va ad attaccare le proteine Tau che sono diffuse nei pazienti affetti dall’Alzheimer.

I ricercatori hanno preso in esame un campione di 891 persone con sintomi lievi o moderati della malattia di Alzheimer. Dopo 15 mesi i pazienti trattati col Lmtx dimostravano un deterioramento cognitivo significativamente più lento sia in termini cognitivi, che nello svolgimento di attività quotidiane ad esempio vestirsi e nutrirsi,  rispetto invece ai pazienti che avevano assunto solo un placebo.

Leggi anche: Alzheimer, entro il 2018 si sperimenta vaccino sull’uomo

Insomma si tratta di miglioramenti significativi in grado di incidere nella vita di tutti i giorni. Così ha riferito Wischik in proposito: “La moglie di un paziente mi ha detto che suo marito all’improvviso si è alzato ed è andato a riparare il recinto del giardino, una cosa che doveva fare da anni”.

About Davide Leone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *