Home / Attualità / Forlì, l’Olimpiade alcolica in discoteca viene fermata dal Comune
Alcol tumori

Forlì, l’Olimpiade alcolica in discoteca viene fermata dal Comune

Un gruppo di ragazzi universitari aveva pensato ad una serata decisamente particolare da organizzare in una discoteca, l’Olimpiade alcolica. Con un solo obiettivo: bere a più non posso. C’erano dei veri e propri giochi, come il Beer Pong, la dama alcolica e la roulette alcolica. C’era addirittura un potenziale vincitore con tanto di premio: una vacanza per due persone.

L’organizzazione di questa Olimpiade poco “decoubertiniana” ha fatto sobbalzare l’AUSL (Azienda Unità Sanitaria Locale) di Forlì e l’ASAPS (Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale), che hanno immediatamente chiesto al Comune di intervenire. E’ stato quindi convocato il gestore del locale, dopodiché si è deciso di sospendere la serata.

Netta la presa di posizione di Edoardo Polidori, direttore dell’AUSL di Forlì: “Trovo agghiacciante che ci siano persone così intenzionate a lucrare sulla salute dei ragazzi che usciranno senz’altro devastati dalla serata. Purtroppo non è possibile vietare iniziative del genere, ma mi auguro siano almeno fatti seri controlli dei documenti ai partecipanti”.

Ha rincarato la dose l’ASAPS, ricordando ai gestori dei locali che è passibile di sanzione chi somministra alcol a chi è già visibilmente ubriaco. L’Olimpiade alcolica, almeno per ora, è stata scongiurata.

About Luca Bonaventura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *