Home / Attualità / Alga tossica sulle coste pugliesi: cosa provoca e come si cura
Alga tossica

Alga tossica sulle coste pugliesi: cosa provoca e come si cura

Alga tossicaLa Ostreopsis ovata, è un’alga tossica che si deposita nei fondali ed assorbendo l’ossigeno, risulta nociva anche ad altre specie marine tra cui ricci e stelle di mare. L’alga riulta tossica anche per l’uomo.

ARPA: i risultati del prelievo

Anche quest’anno, come emerge dalle analisi eseguite dall’Arpa in  questi primi 15 giorni di luglio, sono state rilevate quasi 2 milioni di cellule di alga tossica per litro, a Giovinazzo, altezza hotel Riva del Sole. Ad Alfaro di Torre Canne di fronte si è arrivati a 7 milioni. Concentrazione sopra i livelli di guardia anche alla Forcatella.

Le nuove guide del Ministero prevedono il rischio sanitario quando la concentrazione di questa alga supera le 30mila cellule al litro.

Alga tossica: gli effetti sulla salute dei bagnanti

Riguardo agli effetti sulla salute dei bagnanti, queste alghe possono produrre effetti tossici transitori che comportano riniti, laringiti, bronchiti, dermatiti, e congiuntiviti.

Questo effetto aumenta dopo le mareggiate che concentrano nell’aria le cellule dell’alga tossica. L’intossicazione colpisce soprattutto i bambini. Generalmente in caso di intossicazione si sconsiglia l’uso di antibiotici. E’ sufficiente l’antipiretico, mentre l’uso del cortisone è consigliato nel caso sopraggiungano infezioni di tipo batterico.

About Sabatino Abbazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *