Home / Attualità / Fabio Quagliarella, rivelazioni choc sulla sua cessione quando giocava nel Napoli
Fabio Quagliarella Torino

Fabio Quagliarella, rivelazioni choc sulla sua cessione quando giocava nel Napoli

Fabio Quagliarella attualmente al Torino, qualche anno fa ha giocato anche al Napoli. L’attaccante è originario di Castellammare di Stabia, un paese del vesuviano. Tuttavia nonostante le radici campane tra Quagliarella e i tifosi napoletani non c’è mai stato feeling. Quando poi l’attaccante è passato alla Juventus i tifosi napoletani se la sono legata al dito. Così ogni qualvolta Quagliarella mette piedi al San Paolo e di maglie ne ha cambiate tante in questi anni, viene sonoramene fischiato.

Tuttavia nel corso di un interrogatorio reso per un’ora e mezzza ai giudici  tribunale di Torre Annunziata (Napoli) nell’ambito del processo a Raffaele Piccolo, l’agente di polizia postale accusato di aver stalkerato vip della provincia di Napoli, ha reso delle dichiarazioni choc. Riguardo alla conoscenza di Piccolo così ha raccontato: “Ho conosciuto Piccolo nel 2006. Si diceva capace di risolvermi i problemi al telefonino e al mio contatto di Messanger, la cui password era finita in mani sbagliate. In cambio mi chiedeva autografi, foto e magliette. Richieste diventate sempre più pressanti: gli avrò dato almeno venti magliette. Quindi sono iniziate le lettere nelle quali venivo accusato di essere camorrista, di partecipare a orge e di essere pedofilo. Minacce giunte anche a mio padre e alla mia fidanzata dell’epoca“.

Ed ha aggiunto anche un particolare macabro raccontando di quando arrivò: “una fotocopia con una bara e la mia foto sopra”. Ha poi riferito qualche dettaglio riguardo alla sua cessione alla Juventus: “All’inizio della mia avventura al Napoli il presidente De Laurentiis mi chiamava ogni giorno, poi improvvisamente non solo ha smesso di contattarmi ma è arrivato a chiedere che mi trasferissi al centro sportivo di Castel Volturno (dove si allenano i giocatori azzurri). Una richiesta strana, visto anche che due miei compagni, Iezzo e Vitale, vivevano nella mia città natale, Castellammare di Stabia. Quindi il trasferimento alla Juve, cosa di cui non si era mai parlato prima“.

About Anastasia Patrucco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *