Home / Attualità / Bevande zuccherate dannose per la salute: aumentano rischio di obesità e diabete
Bibite Gasate Zuccherate
Salute, attenzione alle bevande zuccherate: aumentano il rischio di obesità e diabete

Bevande zuccherate dannose per la salute: aumentano rischio di obesità e diabete

Le bibite zuccherate vanno per la maggiore  tra gli adolescenti, in realtà però nascondono delle vere e proprie insidie per la nostra salute. Questo perchè si tratta di bibite e bevande il cui contenuto in termini di  zucchero  espone al rischio di sviluppare patologie cardiovascolari, obesità e diabete.

E’ quanto emerge da una ricerca condotta da un team di ricercatori dell’Università di Harvard, Tufts, Washington e dell’Imperial College di Londra. La ricerca ha preso in  rassegna  62 studi precedenti condotti tra il 1980 e il 2010 in 51 paesi. In totale è stato studiato un campione di ben 611.971 volontari. Dalla ricerca è emerso che queste bevande zuccherate sono responsabili di circa 133mila morti all’anno per diabete, 45mila morti ascrivibili a patologie cardiache e 6450 decessi a causa di patologie tumorali. In media i consumatori che decedono a causa del consumo eccessivo di queste bibite hanno una età tra i 20 e i 44 anni. Questo primato negativo va in particolare al Messico con 404,5 morti per ogni milione di abitanti adulti.

Oltre alle bevande zuccherate, sarebbe bene limitare il consumo anche dei frullati e dei succhi di frutta che vengono addizionati con zuccheri ricavati tramite un processo di raffinazione industriale.

Insomma dallo studio emerge in maniera significativa che una riduzione dei consumi di queste bibite consentirebbe di salvare decine di migliaia di vite ogni anno.

Il problema secondo gli autori dello studio va affrontato incentivando campagne informative sui rischi correlati al consumo di queste bevande, in particolar modo per quanto riguarda l’obesità, che negli Stati Uniti è una vera e propria emergenza sociale. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Circulation.

About Sabatino Abbazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *