Home / Attualità / Mondiali di calcio 2018: il torneo russo prende forma

Mondiali di calcio 2018: il torneo russo prende forma

Countdown in Russia per l’inizio della manifestazione calcistica più prestigiosa del mondo, i Mondiali di calcio FIFA 2018 che si terranno in Russia. L’inizio del torneo è previsto per il giorno 14 giugno 2018 presso lo stadio moscovita Lužniki e proseguirà fino al 15 luglio 2018 passando per 12 impianti sportivi collocati in 11 località russe differenti.

Per i tifosi e gli appassionati di calcio, i Mondiali rappresentano la competizione per eccellenza, poiché coinvolge squadre provenienti da ogni parte del globo e le mette a confronto su un campo di calcio. Non si tratta solamente di un confronto calcistico, ma di un vero e proprio incontro di culture e popolazioni differenti che si interfacciano all’insegna della sportività e del rispetto reciproco.

Considerando che la Russia è la nazione più estesa del mondo, non sono previste trasferte impossibili che comportino tratte aeree troppo lunghe, che potrebbero causare stress agli atleti.

Per i tifosi che decideranno di recarsi in territorio russo per assister ai match c’è un novità molto interessante, che permetterà di agevolare le pratiche burocratiche per l’ottenimento dei visti e per gli spostamenti da una località all’altra.

Russia 2018: ideato il passaporto del tifoso

É detto passaporto del tifoso o Fan ID e serve da lasciapassare per l’accesso al Paese, negli stadi e per usufruire dei mezzi pubblici locali gratuitamente. La tessera plastificata è stata ideata per tutti coloro che assisteranno alle partite dei Mondiali 2018, per agevolarne il soggiorno in territorio russo. La tessera può essere richiesta solamente previo acquisto di un regolare biglietto dei Mondiali 2018. Si può fare riferimento al seguente link per maggiori informazioni sulla Fan ID.

Come si svolgerà il Mondiale di calcio 2018

Il calcio di inizio del torneo è previsto per il 14 giugno 2018 a Mosca e contestualmente inizierà anche la fase a gironi della manifestazione. In questa fase, 32 squadre suddivise in otto gruppi da quattro si sfideranno in campo per aggiudicarsi le prime due posizioni della classifica del proprio girone. Solamente le prime due formazioni di ogni gruppo avranno diritto di accedere alla fase successiva degli ottavi di finale, il cui inizio è previsto per il 30 giugno.

Dopo la fase a gironi inizierà quella ad eliminazione diretta, che vedrà le sfide farsi sempre più tese ed emozionanti. Dagli ottavi si passerà alla fase dei quarti di finale e da lì si andrà dritti alle semifinali e alle finali. Ognuna delle sfide ad eliminazione diretta regala potenziali colpi di scena e momenti di forte coinvolgimento emotivo da parte degli spettatori, dei dirigenti e dei calciatori.

Al di là della finalissima, che per ovvie ragioni è la sfida più attesa di tutte, la semifinale rappresenta un altro appuntamento cardine del torneo. Secondo un approfondimento sulle semifinali dei Mondiali, le partite si giocheranno il 10 luglio presso la Zenit Arena di San Pietroburgo (ore 20 italiane) e l’11 luglio a Mosca Lužniki (ore 20 italiane). La finale si giocherà invece il 15 luglio presso lo stadio moscovita Lužniki dove il Mondiale avrà inizio.

Curiosità sulla Nazionale di casa

Il calcio professionistico russo è in crisi da diversi anni. Il problema è prevalentemente l’assenza di un ricambio generazionale in seguito al boom del 2008. All’epoca, la formazione di Guus Hiddink riuscì ad approdare in semifinale dei campionati europei, dimostrando di avere carattere, un gioco concreto e talenti spendibili in campo come Arshavin, Pavlyuchenko e Zhirkov.

Negli ultimi anni, la Nazionale russa non ha dimostrato in alcun modo la sua qualità, né un gioco di un certo livello, smorzando l’entusiasmo dei tifosi che sono i primi a non fare affidamento sulla squadra. Eppure, nel 2018, i russi punteranno sulle abilità di due attaccanti di un certo livello, Dzyuba e Kokori, che potrebbero ribaltare i pronostici con le loro giocate alla brasiliana.

L’obiettivo primario della Nazionale di casa rimane per ora quello di superare la fase a gironi e raggiungere gli ottavi di finale, risultato conseguito dalla nazionale dell’URSS e mai da quella russa.

Per seguire i Mondiali Russia 2018

Considerata l’importanza della manifestazione a livello globale, i Mondiali di calcio sono generalmente trasmessi da più emittenti televisive. Nei Mondiali di quattro anni fa, abbiamo assistito all’evento con Sky, la pay tv che ha trasmesso tutte le partite e la Rai, che ne mandava in onda una selezione soltanto. L’anno prossimo, oltre a Sky ed alla Rai, potrebbe offrire le dirette degli incontri anche Mediaset, che sta tentando di prendere i diritti televisivi in chiaro, ma ne sapremo di più prossimamente.

 

 

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *